disabili23.jpg_982521881

MGO si muove per i disabili in Sicilia

Il presidente del Movimento MGO si unisce al noto problema sui disabili che sussiste in Sicilia… chiedendo alla Regione Sicilia di fornire in tempo e nei modi opportuni l’assistenza alle centinaia di disabili gravissimi cui non sono garantite.. o vengono garantite solo in parte.. le cure di cui necessitano.
Un tema che tocca i principi del nostro Movimento per la Gente Onesta per coloro che nella bella regione siciliana non possono essere in grado di mantenersi in vita autonomamente. Già da tempo è molto discusso il tema dei disabili in Sicilia grazie al servizio delle Iene sui fratelli  Alessio e Giancarlo Pellegrino di Palermo, tetraplegici e bisognosi di assistenza per 24 ore al giorno, a cui il comune e la provincia fornivano solo qualche ora….
Il tema è stato ripreso in questi giorni dopo le pesanti critiche contro il governatore della Sicilia Crocetta. Il governatore afferma che per il 2017 sono stati stanziati 36 milioni di euro di nuovi fondi regionali per l’assistenza ai disabili gravissimi..Fondi ancora in corso di erogazione. Oltre ai 36 milioni del fondo regionale, si prevedono altri fondi nazionali che Crocetta avrebbe assicurato e di cui ancora poco si sa.
Sappiamo che la Lombardia spende 21 milioni di euro con una popolazione di 10 milioni di abitanti, l’Emilia Romagna, che è considerata il modello italiano più virtuoso, ha una spesa annuale di 28 milioni di euro per 1.400 persone con disabilità gravissima su 4 milioni 420mila abitanti: in pratica il 20% in meno della popolazione Sicilia. Da questo si definisce l’esigenza di aumentare questi fondi a beneficio dei tanti disabili nella regione Sicilia.
Ma quello che ci sconforta è il profondo ritardo con il quale vengono approntati tali fondi. Trattandosi di gente in gravi condizioni ogni altra erogazione dovrebbe cedere il passo a quella sui disabili. E se davvero occorre una trasmissione televisiva per ottenere l’interesse della società civile..tutto ciò continua ad assumere per noi un aspetto assai poco  civile!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *